A proposito di Aurora Cantini

Aurora Cantini, sono poetessa e scrittrice. Scrivo dall’età di 10 anni, da quando creavo le poesie per le compagne di scuola. La mia prima poesia è apparsa sulla rivista nazionale “Primavera” quando avevo appena 14 anni. Ho pubblicato libri di poesie: “Fiori di campo” Edizioni Il Grappolo Salerno 1993 (rieditato nel 2011), “Nel migrar dei giorni” Edizioni La Conca Roma 2000, “Uno scrigno è l’amore” Ed.Circolo Culturale Identità Pontedera 2007 e un libro di narrativa “Lassù dove si toccava il cielo” Edizioni Villadiseriane Bergamo 2009, presentato a Roma dalla giornalista di Rai1 Alma Grandin allo Spazio Bergamo dell’Arciconfraternita dei Bergamaschi. Nel 2012 è uscito il romanzo "Come briciole sparse sul mondo" per Aletti Editore, impostato sulla tragedie delle Torri Gemelle vista da chi era intrappolato nella Torre Nord. Nel 2014 il quarto libro di poesie "Oltre la curva del tramonto" per LietoColle Editore, insieme al libretto in memoria del mistico frate questuante Fra Pacifico da Amora (1883-1937) dal titolo "Un campo di stelle il mio riposo" Edizioni Villadiseriane. Nel 2015 in occasione del Centenario della Prima Guerra Mondiale, per le Edizioni Villadiseriane è uscito il memoriale “Come una fiamma accesa” in memoria dei miei prozii, i fratelli Carrara di Amora di Aviatico, Bergamo, e al loro sacrificio nella Grande Guerra (3 alpini -un Sergente- e 1 fante). Nel 2016 il mio nuovo romanzo "Il bambino con la valigia rossa" Silele Edizioni, la storia del piccolo Pietro raccolto dai gendarmi nei primi giorni di gennaio del '44 dopo che la madre l'aveva lasciato solo, e consegnato al Brefotrofio di Bergamo. Nel 2018, in occasione del 25° anniversario dalla prima pubblicazione, è uscito il secondo romanzo per Silele Edizioni "Una tra i Mille, Anita" dedicato agli ultimi giorni di Anita Garibaldi in un intreccio con i Garibaldini bergamaschi e le donne che un tempo lavoravano in filanda. Sempre nel 2018 è uscito “Una voce dimenticata” saggio narrativo sul grande tenore bergamasco Federico Gambarelli (1858 – 1922) nel 160° anniversario della nascita. Sempre nel 2018 è uscito il libro di vita vissuta "Ero un figlio di N.N." Sono stata inserita nella “STORIA DELLA LETTERATURA ITALIANA – Il secondo Novecento”- III volume – GUIDO MIANO EDITORE , Milano, 1a Edizione 2004. Nel 2000 conferimento del titolo onorifico di “Cavaliere per la poesia” e la qualifica di “Poeta insigne” a Roma, “per i meriti faticosamente acquisiti e imperniati sulla crescita culturale del nostro Paese senza l’aiuto dei mass-media.” Nel 2004 premiata insieme all’On. Giulio Andreotti dallo scrittore Giuseppe Todisco durante una solenne cerimonia nella Sala Paolina di Castel Sant’Angelo a Roma, nell’ambito del Premio Letterario “I Poeti del Terzo Millennio” con prefazione di Massimo Rendina e postfazione di Giulio Panzani. Nel 2006 medaglia d’argento dallo scrittore Manrico Testi in Palazzo della Signoria a Firenze nel Salone dei Cinquecento (sede del Consiglio Comunale) e alla 17^ edizione del Premio Biennale di poesia e narrativa ”Massimiliano Kolbe” Savigliano Cuneo. Due medaglie d’oro (poesia nel 2008 e prosa nel 2009). Nel 2010 conferito il titolo di “Accademico d’Onore” a Caserta per “la fedeltà di questi anni alla comunicazione poetica e il costante impegno nella cultura”. Nel 2009 2^ classificata concorso “Angelo Musco – poesia, prosa e arti figurative” Accademia Internazionale Il Convivio” Giardini di Naxos Messina, presidente lo scrittore critico letterario e giornalista Giorgio Barbieri Squarotti. Nel 2010 seconda classificata per la poesia al XXIV Premio Letterario Laurentum, Roma, uno dei più prestigiosi in Italia, premiata dall’On. Gianni Letta e Pino Insegno, insieme al compositore Ennio Morricone, presente Maurizio Cucchi, Mauro Mazza, Davide Rondoni, Simona Izzo, Ugo Pagliai. Terza classificata al XXVIII Premio Letterario “Giorgio La Pira” a Pistoia, premiata insieme a Bamir Topi, Presidente dell’Albania, don Luigi Ciotti, Luigi Cardini, Presidente Nazionale Avis, Pietro Grasso Procuratore Nazionale Antimafia, nell’ambito della 28^ Giornata della Pace, della Cultura e della solidarietà. Inserita in moltissime antologie di poeti contemporanei. “Gran riconoscimento e merito della Giuria” al Premio letterario internazionale “L’integrazione culturale per un mondo migliore” organizzato dal Consolato Generale dell’Ecuador a Milano e dal Centro di Arte e Cultura Ecuador Sezione Letteratura, Presidente del premio Guaman Allende, la giuria presieduta dalla Prof.ssa Ninnj di Stefano Busà e dai membri: Dr. Corrado Calabrò, Prof. Alessandro Quasimodo, Dr. Franco Loi, Dr. Angelo Gaccione, Dr. Rodolfo Vettorello, Don Alessandro Vavassori, Prof. Haidar Hafez, Prof.ssa Lorenza Franco. Numerosi primi posti in moltissimi concorsi letterari nazionali e internazionali. Molti interventi nelle scuole primarie sul tema della poesia, anche come Presiedente di Giuria in concorsi poetici per i ragazzi. Partecipazione a varie rassegne letterarie e iniziative culturali. Collaboro da esterna con il Portale Web della Val Seriana www.vivisulserio.it e con www.bergamasca.net Ho partecipato con poesie scritte appositamente ad alcuni progetti ideati dallo scultore Luigi Oldani di Dalmine, in favore di iniziative umanitarie, ricevendo anche una Lettera di Merito da Sua Santità Papa Benedetto XVI.

Le nostre nonne sempre con la corona del rosario in mano…una corona contro il coronavirus

Le nostre nonne sempre con la corona del rosario in mano… Una corona contro il coronavirus Non avrei mai pensato di dover scrivere di una strage, oggi negli Anni Duemila. Non avrei mai pensato di dover scrivere di soldati e Continua a leggere Le nostre nonne sempre con la corona del rosario in mano…una corona contro il coronavirus

“Scrivi l’Amore” nella poesia di una bambina

“Scrivi l’Amore” nella poesia di una bambina Una festa tra musica arte e poesia. Così si è concluso “Scrivi l’amore-Premio Mario Berrino”. I vincitori della tredicesima edizione del premio letterario dedicato all’artista che ha reso celebre la città di Alassio Continua a leggere “Scrivi l’Amore” nella poesia di una bambina

Medea Colleoni, la fanciulla morta di polmonite 550 anni fa

Medea Colleoni, la fanciulla morta di polmonite 550 anni fa Il 6 marzo 1470, 550 anni fa, moriva una ragazzina di polmonite. Aveva solo quindici anni. Non era una cosa rara a quei tempi, eppure quella fanciulla ha lasciato il Continua a leggere Medea Colleoni, la fanciulla morta di polmonite 550 anni fa

L’isola Misteriosa e il sogno di ritornare ragazzi

L’isola Misteriosa e il sogno di ritornare ragazzi perchè la lettura non ha virus Al compimento dei miei 10 anni mio papà Mansueto mi regalò la collezione di 10 romanzi per ragazzi Malipiero, acquistata a rate. Avete presente Zanna Bianca Continua a leggere L’isola Misteriosa e il sogno di ritornare ragazzi

L’angolo sconosciuto di Sirmione, Villa Callas

L’angolo sconosciuto di Sirmione, Villa Callas Una gita a Sirmione fa parte del bagaglio culturale e/o di svago di ognuno di noi. Una meta obbligata, da vivere e gustare almeno una volta nella vita. La piccola cittadina affacciata sul Lago Continua a leggere L’angolo sconosciuto di Sirmione, Villa Callas

Il Mulino di Baresi, uno scrigno di fiaba nel cuore della valle Brembana

Il Mulino di Baresi, uno scrigno di fiaba nel cuore della valle Brembana Nel mio preregrinare su e giù lungo la Valle Brembana spesso mi capita di prendere in mano la cartina geografica della valle e scegliere a caso un Continua a leggere Il Mulino di Baresi, uno scrigno di fiaba nel cuore della valle Brembana

Medaglia d’Onore al giovane decoratore di Aviatico morto a Mauthausen

Medaglia d’Onore al giovane decoratore morto a Mauthausen per aver scioperato Anche Aviatico ha avuto il suo deportato a Mauthausen. L’unico deportato civile per un paese di montagna di poche centinaia di anime, dove questa parola è stata pressoché sconosciuta Continua a leggere Medaglia d’Onore al giovane decoratore di Aviatico morto a Mauthausen

Don Bepo Vavassori e quell’amore infinito verso i trovatelli

Don Bepo Vavassori e quell’amore infinito verso i trovatelli 45 anni fa, il 5 febbraio 1975,  moriva don Bepo Vavassori. L’uomo che voleva dare una famiglia ai trovatelli. L’uomo che amava sopra ogni cosa la Mamma Celeste e per questo Continua a leggere Don Bepo Vavassori e quell’amore infinito verso i trovatelli

La Memoria di Sciesopoli Selvino

La Memoria di Sciesopoli Selvino Grande partecipazione di pubblico e di autorità ha visto l’apertura del Museo Memoriale Sciesopoli Ebraica-La Casa dei Bambini di Selvino- (MuMeSe) il 27 ottobre 2019. Ora il percorso della Memoria a Selvino ha preso vita. Continua a leggere La Memoria di Sciesopoli Selvino

La ragazza italiana patrona univerale dei migranti

La ragazza italiana patrona univerale dei migranti Ogni paese, di ogni tempo e di ogni cultura, ha avuto i suoi migranti. Dagli albori dell’umanità l’uomo ha deciso di spostarsi, di cercare nuove strade, nuovi approdi, nuove rinascite. Per desiderio di Continua a leggere La ragazza italiana patrona univerale dei migranti