Forugh Farrokhzad, la poetessa persiana più pubblicata

Forugh Farrokhzad, la poetessa persiana più pubblicata

Forugh Farrokhzad

È considerata all’unanimità la più importante poetessa persiana del Novecento. Infatti le sue liriche hanno sfidato il bigottismo delle autorità religiose e il conformismo letterario e sociale della Persia all’epoca dello Scià. Ma per l’Iran di allora fu sempre “la ribelle” scandalosa, censurata all’epoca e censurata ancora oggi.

Peccato

Ho peccato, peccato, quanto piacere
nell’abbraccio caldo e ardente ho peccato
fra due braccia ho peccato
accese e forti di caldo rancore, ho peccato.

In quel luogo di buio silenzio appartato
nei suoi occhi colmi di segreti ho guardato,
nel palpito del petto furioso il mio cuore
tremava nei suoi occhi di desiderio in preghiera. (…)

Un intenso primo piano della poetessa persiana Forugh Farrokhzad

Forugh Farrokhzad nacque a Teheran il 5 gennaio 1935. Fin da ragazzina seguì gli studi per diventare disegnatrice di moda e pittrice. A diciassette anni si sposò ma cominciò subito a scrivere versi poetici. In particolare nel 1952, poco dopo il matrimonio, pubblicò la sua prima opera “Prigioniera”.

DONO

Io parlo dagli abissi della notte.

Io parlo dagli abissi dell’oscurità,

Dagli abissi della notte.

O amico, se a casa mia vieni, reca per me la luce

E uno spioncino,

Acché io guardi la calca del vicolo felice, attraverso. (…)

La gioia della vita negli occhi della poetessa persiana Forugh Farrokhzad

In effetti visse un grande amore ma decise di divorziare dal marito e per questo fu costretta a lasciare il loro bambino. Come conseguenza non potè rivederlo mai più. Nonostante tutto cercava la libertà, l’essere donna consapevole e indipendente, anche a costo di convivere con la solitudine. La sua fedele compagna fu la scrittura in versi, che la portava a vivere la vita oltre l’apparenza, oltre le gabbie del silenzio, oltre le mura dell’oblio.

LA   CONQUISTA DEL GIARDINO

Quel corvo che volò

Sopra di noi

E s’inabissò nel pensiero agitato di una nuvola vagabonda,

Il cui grido, come una corta lancia, percorse tutto l’orizzonte,

Porterà la notizia di noi in città. (…)

Pensieri di Forugh Farrokhzad, poetessa persiana

Perciò cominciò a viaggiare, in Germania, in Italia, in Inghilterra. Nei suoi soggiorni incontrò uomini di fama internazionale e trovò ispirazione per raccontare la sua Persia, anche attraverso documentari e film che lei stessa girò.

In particolare i suoi versi, come la raccolta “La strage dei fiori”, raccontano la vita, l’amore, la gioia e la bellezza dell’essere donna, ma anche le problematiche sociali nascoste. Fece scalpore nel 1963 il documentario dal titolo “La casa nera” che Forugh realizzò per portare alla luce la tragica condizione dei lebbrosi in Persia.

La strage dei fiori

Saluterò di nuovo il sole

Saluterò di nuovo il sole,
e il torrente che mi scorreva in petto,
e saluterò le nuvole dei miei lunghi pensieri
e la crescita dolorosa dei pioppi in giardino
che con me hanno percorso le secche stagioni. (…)

Forugh Farrokhzad

Ma poi… Quel freddo giorno di febbraio del 1967 la vita di Forugh se ne volò via, scivolando come un airone su quella maledetta lastra di ghiaccio che divenne sudario e tomba. Uscì di strada con la sua auto e morì a soli 32 anni.

Oggi  è la poetessa persina più pubblicata e tradotta. In assoluto la più amata. Simbolo di tutte le donne che non si sottomettono al potere. In conclusione Forugh aveva descritto un mondo sull’orlo della Storia, senza sapere che di lì a un decennio quel mondo millenario sarebbe scomparso, con l’esilio dello Scià il 16 gennaio 1979 ad opera di Khomeyni.

 

 

    I commenti sono chiusi