X AGOSTO, notte di poesia e struggente pianto di stella

X AGOSTO,

notte di poesia e struggente pianto di stella

DSCF0245

Il 10 Agosto è il giorno di San Lorenzo, quando l’orbita terrestre incontra uno sciame di meteoriti e molte si incendiano a contatto con l’atmosfera terrestre, dando l’idea di “stelle cadenti”, ma è anche il titolo di una struggente poesia di Giovanni Pascoli, un lamento al Cielo nel suo eterno peregrinare, compassionevole e silente verso il destino dell’uomo.

Il X Agosto 1867, quando Giovanni Pascoli aveva solo 12 anni, il papà fu ucciso in circostanze misteriose; l’anno dopo morivano la sorella più grande e la mamma, rimanendo orfano a 13 anni.

X AGOSTO

San Lorenzo, io lo so perché tanto

di stelle (una quantità di stelle)  per l’aria tranquilla

arde e cade, perché sì gran pianto

nel concavo cielo (nella volta stellata) sfavilla.

Ritornava una rondine al tetto:

l’uccisero: cadde tra i spini:

ella aveva nel becco un insetto:

la cena de’ suoi rondinini.

Ora è là, come in croce, (con le ali aperte) che tende

quel verme a quel cielo lontano;

e il suo nido è nell’ombra, che attende,

che pigola sempre più piano.

Anche un uomo tornava al suo nido:

l’uccisero: disse: Perdono;

e restò negli aperti occhi un grido:

portava due bambole in dono…

Ora là, nella casa romita, (solitaria)

lo aspettano, aspettano in vano:

egli immobile, attonito, (stupito) addita (indica)

le bambole al cielo lontano.

E tu, Cielo, dall’alto dei mondi

sereni, infinito, immortale,

oh! d’un pianto di stelle lo inondi

quest’atomo (questo minuscolo puntino, la Terra) opaco del Male!

 (Giovanni Pascoli, da Myricae)

L'amore della mamma cigno, lago di Endine, Bergamo
L’amore della mamma cigno, lago di Endine, Bergamo, fotografia esclusiva di Oscar Carrara

LE NOTTI D’AGOSTO

Le notti d’agosto racchiudono il candore del sogno e la lucentezza dei raggi assolati, ma hanno anche una punta di malinconico addio, laggiù, nel punto più nascosto, un solitario presagio di autunno. Sono le prime piogge, i primi chiaroscuri, le prime nebbie. Gli occhi gustano i giorni di festa, ma il cuore già attende l’ombra lunga delle notti di settembre.

La prima stella della sera, Altopiano Selvino Aviatico -Amora-
La prima stella della sera, Altopiano Selvino Aviatico -Amora-

 

I commenti sono chiusi