Raccontando Liliana Segre e i Bambini della Shoah di Sciesopoli

Raccontando Liliana Segre e i Bambini della Shoah

a Santa Brigida

Santa Brigida ricorda Liliana Segre con le poesie di Aurora Cantini

LA FILODRAMMATICA  S.BRIGIDA  

racconta e canta

LA TESTIONIANZA  DI  LILIANA SEGRE

dal libro SOPRAVVISSUTA AD AUSCHWITZ

di Emanuela Zuccalà e Liliana Segre

con I BAMBINI E LA SHOAH

Poesie di AURORA CANTINI

L’articolo su L’Eco Bg della serata dedicata ad Auschwitz

La filodrammatica Santa Brigida racconta la testimonianza di Liliana Segre, per non dimenticare la Shoah… che significa: “Tempesta che tutto distrugge“. Lo fanno raccontando il contenuto del libro “Sopravvissuta ad Auschwitz” scritto da Emanauela Zuccalà e Liliana Segre.

Raccontano la testimonianza di Liliana Segre sia attraverso il “Riassunto ragionato“ di Emanuela Zuccalà, sia con il racconto cantato, sia con l’uso di diapositive, alla maniera semplice dei cantastorie, utilizzando arie di canti popolari.

Lo scopo è di far conoscere il libro “Sopravvissuta ad Auschwitz” affinché quanto vissuto da Liliana e da altre migliaia di Ebrei non avvenga mai più.

Aurora Cantini con le due coriste della Filodrammatica Santa Brigida

Infine, con le poesie scritte da Aurora Cantini si dà voce ai Bambini della Shoah. Ai bambini Ebrei che dal binario 21 sono partiti per i campi di concentramento e di sterminio e non sono tornati. Ma anche ai bambini  Ebrei che, come Liliana Segre, sono partiti e sono sopravvissuti ai Lager e sono tornati a testimoniare gli orrori della Shoah.

La poesia dedicata al Binario 21 vince il Premio Anteas Treviglio

Ai bambini Ebrei che hanno evitato la deportazione, come l’ha testimoniato Regina Zimet-Levy nel libro “Al di là del ponte”, grazie all’aiuto di  Donne e Uomini Giusti, non Ebrei, che a rischio della deportazione –perché questa, la deportazione, era la pena stabilita dalle Leggi di Norimberga per chi aiutava gli Ebrei. Infine l’omaggio ai bambini coraggiosi di Sciesopoli Selvino e al loro ritorno alla vita dopo gli orrori della Shoah.

I bambini coraggiosi di Sciesopoli a Selvino

Scrive Emanuela Zuccalà: “La testimonianza di Liliana Segre  è una testimonianza sicuramente fondamentale ed importante, che ci aiuta a capire come fosse la vita in quegli anni, come il governo fascista e quello nazista avessero pian piano fatto terra bruciata attorno agli ebrei, i quali, ridotti a poveri esseri senza dignità, furono costretti a nascondersi nei casi più fortunati o a sopravvivere in un campo di lavoro come quello di Auschwitz per i più sfortunati. La testimonianza di Liliana aiuta, inoltre, a comprendere l’ importanza dei sentimenti più semplici: a quell’epoca anche il solo ricevere un sorriso accennato era per un ebreo una grande conquista.”

I commenti sono chiusi