Perchè scrivere poesie, a Selvino pomeriggio in terrazza

Perchè scrivere poesie, a Selvino pomeriggio in terrazza

Locandina di Poesia in terrazza a Selvino

Nell’ambito della Sagra della Cultura promossa dall’Assessorato alla cultura e al turismo e dalla biblioteca comunale, si è svolta la seconda edizione dell’evento poetico “Poesie in terrazza”. Un modo particolare e suggestivo per coinvolgere residenti e villeggianti dell’Altopiano attraverso la condivisione di proprie liriche e composizioni tenute nel cassetto, sotto la guida e conduzione di Aurora Cantini, poetessa e scrittrice dell’Altopiano. Dopo una veloce iscrizione in loco da parte dei presenti intenzionati a leggere le proprie opere. Ogni poeta è stato invitato a raccontarsi e a raccontare i motivi o le situazioni che hanno ispirato la poesia presentata al pubblico.

La poetessa Aurora Cantini introduce "Poesie in terrazza" presso la biblioteca di Selvino
La poetessa Aurora Cantini introduce “Poesie in terrazza” presso la biblioteca di Selvino

Una domanda è emersa univoca: perchè si scrivono poesie? Che utilità dà la poesia oggi? La nostra società è ormai solo visiva, selfie-dipendente, basata su istanti bruciati nel vapore del web. A cosa serve quindi la poesia? La risposta sincera e corale è stata una sola: perchè leggere o scrivere versi, anche semplici, brevi, piccoli abbozzi, fa stare meglio, anzi, fa stare bene.

L’attrice dialettale Franca Mismetti di Albino legge alcune poesie

Solleva e rinfranca l’anima, soprattutto nei momenti difficili o tristi. Alleggerisce le inquietudini, soprattutto in chi ha una certa età e sente l’avanzare della solitudine. Dà ricordi, i momenti belli e gioiosi vissuti in estate o in montagna, nei boschi e sui sentieri, davanti al mare, che nei mesi bui dell’inverno ritroveranno vita attraverso i ricordi in poesia.  Numerosi e diversificati i temi e i contenuti: poesie dedicate alla Cornagera, ai boschi dell’Altopiano, oppure ai familiari, alla vita, alla malattia, ai viaggi, al sociale… Ogni partecipante ha messo a nudo la propria anima riscuotendo applausi e consensi.

L'onorevole Valentina Lanfranchi legge le poesie dei carcerati
L’onorevole Valentina Lanfranchi legge le poesie dei carcerati

Al pomeriggio di poesia, per la seconda volta, ha partecipato anche l’onorevole Valentina Lanfranchi. Genuinamente colpita dalle emozioni dell’evento, ha ribadito il proprio piacere ad ascoltare le poesie presentate dai villeggianti e residenti amanti della poesia. La stessa Lanfranchi ha voluto condividere con il pubblico due poesie scritte dai carcerati dell’Istituto Circondariale di via Gleno, a Bergamo, in cui opera settimanalmente proprio usando la poesia come mezzo per dare sollievo e speranza. Presente pure lo scrittore Pierluigi Ambrosini, di Bergamo, con alcune sue liriche.

Pierluigi Ambrisini legge alcune sue liriche
Pierluigi Ambrosini legge alcune sue liriche

Al termine del pomeriggio poetico il Gruppo Aviatico Green, creato quattro anni fa da alcuni villeggianti allo scopo di seguire, proporre e  coadiuvare le iniziative culturali e che in questi anni si è via via ampliato e rafforzato nella sua identità anche a livello comunale, ha predisposto un rinfresco per tutti.

L'articolo Su L'Eco di Bergamo dedicato a Poesie in terrazza a Selvino
L’articolo su L’Eco di Bergamo dedicato a Poesie in terrazza a Selvino

I commenti sono chiusi