Mille e una Bergamo: storie, tradizioni, luoghi, borghi, voci dimenticate -La chiesetta di San Rocco in Aviatico e la peste “manzoniana”-

Mille e una Bergamo,

il blog che racconta la terra di Bergamo:

storie, tradizioni, luoghi, borghi, voci dimenticate

-La chiesetta di San Rocco in Aviatico e la peste “manzoniana”-

a cura di Alessandra Facchinetti

La chiesina di San Rocco, Aviatico, Bergamo
La chiesina di San Rocco, Aviatico, Bergamo

“Nel nuovo racconto della poetessa a scrittrice Aurora Cantini, che narra l’Altopiano di Selvino Aviatico nei suoi angoli più suggestivi, il tema centrale è la peste “manzoniana”. Il passaggio delle orde di Lanzichenecchi, avvenuto nei primi decenni del Seicento, ha infatti segnato una ferita profonda e  tragica nelle storie della gente bergamasca, improvvisamente assalita e falcidiata dal terribile morbo della peste, di cui abbiamo testimonianza di altissimo impatto emotivo nelle pagine de “I Promessi Sposi” di Alessandro Manzoni.

Per questo molte furono le chiese edificate  sotto la protezione di San Rocco, simulacri dove venivano sepolti i morti, che in questo modo rimanevano separati dalla comunità per il pericolo del contagio. Neppure i paesi sulle alture ne rimasero immuni. Infatti la pestilenza raggiunse anche l’Altopiano di Selvino Aviatico, posto sul tracciato dell’antica “Via Mercatorum”. Ma, al contrario della maggior parte dei paesi delle Valli, poche furono le vittime.

La chiesina di San Rocco in Aviatico vista dalla bidonvia del Monte Poieto
La chiesina di San Rocco in Aviatico vista dalla bidonvia del Monte Poieto

La popolazione di Aviatico risalì lungo i ghiaioni del Monte Cornagera e si nascose nei suoi anfratti e labirinti dolomitici. Forse fu questa scelta  che permise loro di scampare alla morte, o forse fu un disegno divino. In ogni caso la comunità decise di erigere, su un costone roccioso poco lontano dall’abitato, una chiesetta dedicata a San Rocco, che ancora oggi veglia sul paese.

L'ingresso della chiesina di San Rocco, Aviatico, Bergamo
L’ingresso della chiesina di San Rocco, Aviatico, Bergamo

Per il mantenimento e la cura della chiesa era indispensabile l’uso della Questua. Fu un servizio che venne portato avanti per tutto l’Ottocento e più della metà del Novecento in tutta la bergamasca. Tra i vari passaggi documentati ve n’è uno, del 1968, in cui si segnano le offerte per “Il Passio, la Madonna, il Latte.”

Il panorama di Selvino Aviatico dalla bidonvia del Monte Poieto
Il panorama di Selvino Aviatico dalla bidonvia del Monte Poieto

In conclusione dagli Archivi Parrocchiali, fonte inesauribile della nostra identità culturale e sociale, emerge una devozione sincera e tenace.  Trae forza dalla Fede e la Speranza nella Provvidenza, le quali da sempre circondano le forti genti di montagna.”

La chiesetta di San Rocco ad Aviatico e la peste dei Lanzichenecchi

Cartolina d'epoca di Giuseppe Pino Bertocchi: Aviatico con la Via Mercatorum visto dal piazzale prima della chiesetta di San Rocco
Cartolina d’epoca di Giuseppe Pino Bertocchi: Aviatico con la Via Mercatorum visto dal piazzale prima della chiesetta di San Rocco

I commenti sono chiusi