Crea sito

La Via Mala, un antico patrimonio da scoprire insieme

La Via Mala, il terrazzino

La Via Mala,

un antico patrimonio da scoprire insieme

La Via Mala
Strada sulla Via Mala
La Via Mala
 Via Mala
Il-torrente-Dezzo-Via-Mala-punto-panoramico
Il-torrente-Dezzo e la Via-Mala in alto a destra, dal punto panoramico

Risalire l’antica Via Mala della Valle di Scalve, a cavallo tra le province di Bergamo e Brescia, può essere l’occasione per ritrovare l’arcobaleno della vita, sentire l’essenza della natura, apprezzare il solo essere vivi. Lo dice già la parola “Mala” cattiva, terribile. Soprattutto in inverno, tra stalattiti e cascate di ghiaccio è la padrona assoluta del silenzio. La Via Mala è una tra le vie carrozzabili di montagna più panoramiche e spettacolari d’Europa, uno scrigno ricco di risorse naturali incontaminate e custode silenzioso ma non vinto di una storia secolare di genti e commerci.

Risale inerpicandosi dal paese di Angolo Terme, poco sopra il lago d’Iseo, e approda, ancora agguerrita e grezza nel suo valicare la montagna, a Colere, un paesino nel cuore della Valle di Scalve, sotto la Presolana. Costruita nel lontano 1861, ora è Strada Provinciale, ma conserva intatto il brivido a mezza costa lungo la forra della valle, una forra di origine glaciale molto profonda e stretta, incisa dallo scorrere costante delle acque del fiume Dezzo.

Il tracciato stradale, portato a termine nel 1864 e in alcuni punti coraggiosamente scavato nella roccia ma che già esisteva nell’Alto Medioevo e venne rifatto tra il 1473 e il 1827, rappresentava la nuova e più moderna alternativa al precedente sentiero, largo appena 80 centimetri, utilizzato fino al 1860 con le slitte per il trasporto a valle dei minerali ferrosi estratti dalle miniere della Valle di Scalve. Nel 1922 un cronista dell’epoca raccontò della Via Mala sul giornale locale “La Valle di Scalve”: “Alla strada sovrastano d’ambo i lati le muraglie ciclopiche delle due catene che la serrano e fra le cui due sommità splende, come nastro frastagliato, l’azzurro del cielo. Giù nel profondo, il fiume precipita a valle,con salti pazzi ed ampi vortici ed impeti forsennati, e muggia, e romba, e ribolle, poi sosta e riposa in specchi limpidi e tranquilli, per riprendere tosto la formidabile corsa all’abisso…”.

La-Via-Mala-tratto-di-belvedere
La-Via-Mala, tratto di belvedere che conduce al balconcino sospeso nel vuoto

In realtà percorrere la Via Mala fino a oltre la metà del Novecento era estremamente insidioso, soprattutto in inverno. Con le piogge primaverili e autunnali o con i temporali estivi fiumi d’acqua precipitavano dall’alto trascinando con sé fango, sassi e macigni. D’inverno c’erano le valanghe e il ghiaccio. Le masse di neve scaricate dai canaloni della Presolana e del Visolo, dopo aver interrotto la strada del Passo della Presolana, precipitavano sulla Via Mala bloccandola. E le interruzioni duravano giorni e giorni tagliando ogni comunicazione e costringendo spesso i valligiani ad aprirsi la strada tra muraglie di neve lungo sentieri impervi e pericolosamente esposti.

Negli Anni Sessanta vennero costruite le prime gallerie paravalanghe e non vi furono più interruzioni. Altre gallerie furono scavate per rendere più sicura e percorribile la strada fino a quando buona parte dell’antico tracciato andò in disuso e delle meraviglie della Via Mala, non più visibili per chi passa in auto nei tunnel, non se ne parlò più. Il fascino dei suoi vertiginosi precipizi che lasciavano senza fiato i passanti, le sue rigogliose cascate perenni, le sue ricchezze storiche e naturalistiche vennero presto dimenticate.

 

La-Via-Mala-terrazzino-e-belvedere
-terrazzino-e-belvedere sulla Via Mala
 La-Via-Mala-tratto-di-Belvedere

La-Via-Mala-tratto che conduce al belvedere

La costruzione di vari tracciati in galleria aveva notevolmente migliorato la viabilità e la sicurezza del transito, lasciando però in stato d’abbandono i tratti più suggestivi, che pian piano sono stati ricoperti di vegetazione e danneggiati dall’erosione dell’acqua. Fino a poco tempo fa.

Attualmente la Via Mala presenta ancora tre tratti stradali dismessi, che sono però stati riconvertiti e facilmente percorribili a piedi.  Il gioiello è un bellissimo punto panoramico in cui sostare, ampio spazio e vista mozzafiato accanto alla ex Casa Cantoniera situata in cima alla Via Mala, oggi trasformata in Infopoint di Scalve, denominata “Canyon Scalve” che offre pannelli storici, ristoro, sportello di informazione ed accoglienza turistica.

Da qui, a piedi per circa 200 metri, si giunge al brivido del vuoto, un terrazzino in resina trasparente che si protende sul dirupo del torrente Dezzo. Tutta la parete rocciosa è solcata da gallerie e anfratti suggestivi. La strada è scavata nella roccia viva e la senti vibrare, imperiosa, quasi autoritaria al turista. Chiede rispetto e consapevolezza del maestoso mondo di roccia e vento.

 La-Via-Mala-il-terrazzino-panoramico

Via-Mala-il-terrazzino-panoramico sospeso sul torrente Dezzo, a 60 metri di altezza
 La-Via-Mala-punto-panoramico

Scavata nella roccia, con le paratie di protezione, ecco la Via Mala
 La-Via-Mala-tratto-di-belvedere

La-Via-Mala-tratto-di-belvedere scavato nella viva roccia
 Il-torrente-Dezzo-e-i-dirupi

Il-torrente-Dezzo-e-i-dirupi

L’inverno liscia i suoi artigli ma non ghermisce l’acqua, che palpita ribelle nell’alveo sottostante. Mi sovviene una punta di malinconia nel ricordare quando, da piccola, mio papà mi portava spesso con la sua Fiat 500 lungo la ripida trincea. Da pochi anni la Via Mala era stata imbrigliata dalle gallerie ma i tratti più esposti, quelli che d’inverno si ricoprivano di stalattiti spettacolari che ghermivano il basso muretto di protezione come un tetto di ghiaccio, erano ancora ben tenuti e facili da seguire.

Parcheggiava in un anfratto che solo lui conosceva e poi mano nella mano percorrevamo a piedi la vecchia strada, insieme a tanti altri “curiosi” ancora quasi increduli che la Via Mala non facesse più paura. Mio papà mi prendeva sulle spalle e mi faceva toccare la roccia umida della volta soprastante, io aggrappata a lui e alla roccia. Solidi entrambi. Roccia calda e roccia gelida. Sgocciola ancora la roccia come coriandoli di pianto, amata terra, solitario ardore.

 

La Via Mala, il terrazzino
La Via Mala, il terrazzino visto dal punto coperto

PER APPROFONDIRE

Per approfondire questa meraviglia per gli occhi e per il cuore consiglio il sito dedicato alla Via Mala, unica in Europa:

http://viamala.net/cms/viamala/storia/

La Via Mala
La Via Mala
La Via Mala, dal terrazzino panoramico
Via Mala, dal terrazzino panoramico
La Via Mala
Carrozzabile sulla Via Mala

LA MIA POESIA

VIA MALA

Sei roccia viva sopra i miei occhi,

luce di riverbero e bianco velo di sposa.

 

Sei angelo ribelle, mai domita, mai triste,

rumoreggiar di selva come artiglio di lupo.

 

Antica via di emigranti e sogni,

portasti tracce di pianto,

coltre pietosa dei lamenti antichi

delle genti travolte dall’onda:

 

Dalla diga del Gleno

fosti tu, Via Mala, a coprire gli occhi

di chi era spento al mondo. (Aur Cant)

LA TRAGEDIA DELLA DIGA DEL GLENO

Non si può non ricordare la tragedia del 1 dicembre 1923, quando la grande Diga del monte Gleno si aprì e l’acqua travolse ogni cosa, giù, giù, inondando la Via Mala, fino al Lago d’Iseo.

La Via Mala e il disastro della Diga del Gleno

3 Risposte a “La Via Mala, un antico patrimonio da scoprire insieme”

I commenti sono chiusi.

Tutti i contenuti e foto  sono stati creati e curati da me (Aurora). Tutte le foto, gli articoli e i testi presenti sul sito sono di proprietà dell’autore/amministratore, salvo diversa indicazione di autore/proprietario. È vietata la riproduzione.