Roberto Baldini intervista l’autrice del romanzo “Come briciole sparse sul mondo”

Roberto Baldini

intervista

l’autrice del romanzo

“Come briciole sparse sul mondo”

Cantini copertina Come briciole sparse sul mondo
Cantini copertina Come briciole sparse sul mondo

Da Roberto Baldini scrittore, titolare del blog di letteratura http://scrivoleggo.blogspot.it/ ecco l’intervista che mi ha proposto dopo l’uscita del mio romanzo “Come briciole sparse sul mondo” (Aletti Editore), sull’attentato alle Torri Gemelle visto con gli occhi di una ragazza bergamasca.

  http://www.alettieditore.it/emersi/_root/c/Cantini.htm

http://scrivoleggo.blogspot.it/2012/11/intervista-ad-aurora-cantini.html

Roberto Baldini ha anche scritto due Recensioni da leggere cliccando qui:

 Come briciole sparse sul mondo

Il piccolo borgo di Amora di Aviatico sotto la neve
Il piccolo borgo di Amora di Aviatico sotto la neve

Dal sito della Casa Editrice: 

http://www.paroleinfuga.it/display-text.asp?IDopera=44887

INCIPIT AL ROMANZO

“La luce della piena giornata di maggio  entrava a fiotti dalla finestra aperta e illuminava la massa liscia di capelli neri della ragazza china sull’antico scrittoio di legno massello appoggiato al davanzale. Una voce squillante la fece sobbalzare. «Ah, eccoti, Luisella. Ti ho cercato in biblioteca, ma non c’eri.» Poi Iris guardò decisa l’amica. «Ti devo parlare.»

«Che cosa c’è?» buttò lì l’altra riprendendo il lavoro di pulitura del legno.

«Allora, hai presente il concorso della Avon Cosmetics a cui ho partecipato a dicembre? Ebbene ho vinto.»

«Brava.»

«E non ti chiedi che cosa ho vinto? Un viaggio negli Stati Uniti.»

«Sarai contenta, hai sempre desiderato andarci.»

«Non capisci, non sono contenta, per niente!!»

Luisella realizzò finalmente il tono di voce dell’amica e la guardò negli occhi. «Ma Iris, hai partecipato proprio per quello. Perché non sei contenta?»

La ragazza abbassò gli occhi. «Il problema con mia madre non lascia spazio alla fantasia. Dalla Casa Santa Maria  di Laxolo mi hanno detto che non ne avrà per molto.»

«Oh, Iris!» Luisella sentì gli occhi riempirsi di lacrime. Conosceva la signora Frida da quando aveva tre anni e insieme a Iris, nel lontano 1971, aveva intrapreso l’avventura alla scuola materna, poco dopo la scomparsa dei suoi genitori, nel gennaio di quello stesso anno. «Perciò ci andrai tu, in America! A settembre!»

«Cooosa?!» Luisella era strabiliata. «Ma che dici?» ribatté ridendo e scuotendo il capo.

«Sì, tu!» Iris la fissò  con sguardo pungente e asciutto. «Sto dicendo sul serio.»

Luisella si schiarì la voce. «Io… non so che dire.»

«Non dire niente. Accetta, ti prego.»

(…) Anche ora, nella camera dell’hotel situato poco lontano da Times Square, mentre fissava le mille lucine che sfarfallavano oltre il vetro, le sembrava  quasi impossibile credere che solo 24 ore prima era sul suo divano in soggiorno, accanto al camino che mandava gli ultimi bagliori di brace, nella casetta sulle montagne bergamasche dove aveva sempre vissuto fino alla morte della nonna, sette anni prima. Quasi un’altra vita. Per la prima volta era davvero dall’altra parte del mondo.” (Aur Cant)

I commenti sono chiusi