Ad Antenna2 tv il booktrailer de “Come briciole sparse sul mondo”

Ad Antenna2 tv

Aurora Cantini con  il romanzo

“Come briciole sparse sul mondo”

e il suo booktrailer

copertina romanzo "Come briciole sparse sul mondo" Aletti Editore, 2012
Copertina romanzo “Come briciole sparse sul mondo” Aletti Editore, 2012

La tragedia delle Torri Gemelle narrata dal punto di vista di una ragazza italiana, partita da Sant’Antonio Abbandonato, un paesino della Valle Brembana, e intrappolata nella Torre Nord in quel drammatico giorno.

Come briciole sparse sul mondo, il booktrailer

L’opera è stata pubblicata nella sezione Booktrailer del Portale “Parole in fuga e Aurora Cantini” di Aletti Editore.

Sulla vetta della Cornagera si ammira la cittadina di Albino, in Valle Seriana, punti di vita sparsi sull'orizzonte
Sulla vetta della Cornagera si ammira la cittadina di Albino, in Valle Seriana, punti di vita sparsi sull’orizzonte

Come è nato questo nuovo romanzo?

Per caso, un pomeriggio d’inverno, discorrendo su alcuni miei scritti di bambina riguardanti l’inaugurazione, nel lontano 1973 delle Torri Gemelle, alcuni amici mi hanno portato due giornali con i fatti dell’11 settembre 2001. In evidenza l’immagine di un corpo sospeso, in caduta libera, dritto come un fuso con i suoi pantaloni neri e la giacca: era uno di coloro che si gettavano oltre le finestre per non dover attendere una fine orribile e ineluttabile. Un dolore fondo mi ha serrato l’anima in un’angoscia senza fine, tanto che durante la notte ho sognato i volti di chi  era dentro le torri, e nella mia mente un bisogno irrefrenabile mi imponeva di raccontare, di scrivere il loro viaggio sul cuore del mondo.

Il giorno dopo Luisella, la protagonista del mio romanzo, aveva preso vita: maggio 2001, il conto alla rovescia verso la tragedia era scoccato.

Un titolo che sa di fiaba, perché?

Come briciole richiama innanzitutto un  ritornare a casa, anche solo nella memoria, un cammino verso la luce, un ritrovarsi e riemergere  nonostante  tragedie che spaccano la vita; sono le briciole sparse da Pollicino per ritrovare la via di casa dopo essere sfuggito all’Orco, o da Hansel e Gretel che, seppur in balia della strega nella casa del bosco, riescono a sopravvivere, a riprendere la via del cuore. Non siamo mai soli, la strada è lunga da percorrere, qualcuno è sempre accanto, basta saper vedere oltre. Penso che il sogno di ogni uomo sia lasciare un’impronta di sé, per trovare l’immortalità.

Oltre a ciò le briciole rappresentano anche l’impatto visivo più sconvolgente di quella terrificante giornata dell’11 Settembre: la  polvere, l’immensa coperta di cenere bianca distesa come un sudario sul cielo azzurro di New York, sul mondo che osservava dilaniato e impotente. Tutti noi eravamo là davanti alla tv quel giorno.

Perché scrivere un romanzo sulla tragedia delle Torri Gemelle partendo da  lontano, dalle montagne bergamasche?

Sono legata alla mia terra di montagna come una radice sospesa. La sento vibrarein me in ogni respiro di vento, in ogni scricchiolare di foglia, in ogni sentiero nascosto. Ho ascoltato le poesie degli alberi frondosi che muovendosi nel dolce tramonto estivo cullavano i miei sogni bambini, o quando, carichi di neve, svettavano al cielo e mi portavano fin lassù, nell’azzurro, con le loro lunghe dita di diamanti. Mi raccontavano, mi consolavano, mi inebriavano di vita, mi amavano teneramente, silenziosamente e per sempre. E ora che scrivo poesie e storie, so che lo devo alla Terra, alle mie Montagne, sentendo le carezze di tutti i miei antenati che vivono ancora e sempre, attraverso di me.

Il personaggio di Luisella, seppur immaginario, si muove, vive e agisce in paesi e luoghi che esistono davvero e che io percorro quasi ogni giorno, inebriandomi. Con la sua freschezza di ragazza che vive in montagna è un tributo alla vita. Ma rappresenta anche una desolante realtà, quella delle valli bergamasche, da sempre costrette a combattere contro lo spopolamento e le poche nascite.

Con la sua testimonianza Luisella esplora il mutare del rapporto dell’uomo con la montagna. I profondi cambiamenti avvenuti nel breve tempo dell’ industrializzazione e le conseguenze desolanti dell’abbandono, dello spopolamento, dell’emigrazione, dello spaesamento. Ma ripercorre  anche la storia attraverso le vicende individuali, le relazioni di solidarietà e comunione collettiva, i valori di Speranza per il futuro.

Qui tutte le informazioni sul romanzo e dove trovare il romanzo:

Come briciole sparse sul mondo

 

I commenti sono chiusi