Ed ecco che l’Italia riscopre il profeta don Milani

Sembra strano oggi risentire parlare di don Lorenzo Milani. Scrisse e pubblicò nel 1967, cinquant’anni fa, “Lettera a una professoressa” che tutti abbiamo letto. Sbandierato ai quattro venti come un libro sabotatore”, fu considerato quasi rivoluzionario, ribelle, un cartaceo Sessantotto.  Lo abbiamo letto a scuola, commentando quelle pagine con una certa accondiscendenza, perché scritte da un  prete. In ogni caso c’era il rispetto e la guardinga attenzione di noi studenti verso quell’adulto che, strano ma vero, teneva la parte ai giovani. E ci ritrovavamo un po’ in quei ragazzi, per noi degli Anni Settanta già considerati “vecchiotti” ma veri.

Poi è calato l’oblio. Dimenticato letteralmente quel pretino strambo, sorridente nelle fotografie, che doveva aver combinato chissà quali misfatti per essere cacciato in esilio, così lontano, così solitario.

Ma oggi arriva Papa Francesco che decide di andare a pregare sulla tomba del Profeta, di don Milani.

https://www.cislbrescia.it/tag/don-milani/

https://www.cislbrescia.it/tag/don-milani/

E allora quel vecchio libro ritorna alla ribalta.

In realtà rileggendolo in questi Anni Duemila non si trova più traccia di quel terremoto che all’epoca aveva suscitato nell’Italia del boom economico, ancora avvinta però alle catene dell’arretratezza e della miseria.

Parlava di obbligo scolastico, una parola che neanche si pronuncia più, se non per parlare dei bimbi del Terzo Mondo. Ma l’obbligo scolastico di cui intendeva don Milani era diverso. Diceva: “I figli dei ricchi hanno già tutte le parole a casa, prima ancora di andare a scuola. E se arrancano sui banchi possono permettersi le lezioni private per rimettere in sesto la pagella. I figli dei poveri invece partono indietro, condannati al ritardo e lasciati soli dai professori fino alla bocciatura, che li trasforma in carne da fabbrica.” Lapidaria questa sentenza, che se letta oggi, vale ancora e soprattutto in questo mondo globale, interconnesso e social.

Ed ecco che l’Italia si accorge del Profeta.

Don Lorenzo Milani non aveva nessuna intenzione di rivoluzionare il mondo, la sua parola d’ordine era antica come il respiro: Amore. L’amore verso le persone, non verso le idee. Quelle cambiano e si modificano, girarono e prendono il volo. Le persone no, quelle muiono là dove sono cadute e magari dove sono nate, nel fango. Persone che non hanno visto nient’altro che botte e schiaffi, che non hann sentito altro odore se non quello della nafta, del metallo, dell’olio surriscaldato.

Già a Firenze don Milani non aveva guardato i colori, né le idee: al funerale di un operaio aveva accettato in chiesa le bandiere del Pc.

Per questo il  23 novembre 1954 viene nominato Priore della chiesa di Sant’Andrea a Barbiana, negli Appennini. Niente telefono, né elettricità, niente Ufficio Postale. Niente strada carrozzabile.

Anche il numero dei fedeli era ridotto, una trentina o poco più. Don Milani giunge a piedi alla canonica, arrancando lungo la mulattiera, nel freddo di una sera d’inverno, il 7 dicembre del 1954, sotto una pioggia  battente. Lui e la fedele perpetua. Dopo una notte gelida, la mattina subito decide di comprarsi una tomba nel minuscolo cimitero e al pomeriggio pensa già a creare una scuola. I ragazzi, pochi in realtà, giungono sulla porta a curiosare, noncuranti.

http://www.corriere.it/foto-gallery/cultura/16_febbraio_04/don-lorenzo-milani-biografia-c4ddd3e4-cb47-11e5-9200-b61ee59246a7.shtml

http://www.corriere.it/foto-gallery/cultura/16_febbraio_04/don-lorenzo-milani-biografia-c4ddd3e4-cb47-11e5-9200-b61ee59246a7.shtml

Ma a poco a poco quel giovane prete strano li conquistò. Scrisse nel suo testamento: “Cari ragazzi,  ho voluto più bene a voi che a Dio, ma sono sicuro che non baderà a queste piccolezze.”

Morì a soli 44 anni, il 6 giugno 1967, dopo una lunga e terribile malattia.

Era consapevole di lascire un’Italia smarrita, una generazione che aveva perso il proprio equilibrio, un rinnovamento che mai era arrivato davvero. Lasciava la consapevolezza che “le Beatitudini”  ancora non erano davvero entrate nel cuore dell’uomo.

Mentre sul letto in casa di sua madre vedeva scoccare le ultime ore, pensava a quella moltitudine di poveri già esclusi in partenza dalla vita sociale: a scuola, nelle fabbriche, fantasmi che nessuno vedeva e osservava davvero.

Un Profeta. Il suo libro “Lettera a una professoressa” oggi quasi fa sorridere nella sua ingenuità, in tempi in cui in diretta assistiamo alla barbarie quotidiana dell’uomo verso i suoi simili. Eppure lo mandò perfino a processo. Le autorità ecclesiastiche e civili lo braccarono, lo accusarono, lo denigrarono. Gli negarono Amore.

E oggi questo Papa ha revocato il divieto di pubblicazione di un altro libro di don Milani “Esperienze Pastorali” ed è andato a pregare sulla sua tomba. In privato. Come un genitore che, dopo tanti anni, ritrova quel figlio da lui considerato “scapestrato”, senza esserlo davvero. Perché anche un genitore può aver torto. E se si accorge di aver torto quando ormai il proprio figlio è morto, nulla può più riannodare i fili. Nulla. Si può solo piangere.