Crea sito

Le Ali dell'Aurora

Parole di Poesia, Narrazioni di Vita

Visualizza gli articoli pubblicati sotto maggio 2016

Premio Letterario

a Casale sul Sile

“Tu, io e i mondi possibili”

Ricordi, nostalgia e rimpianto, speranza e futuro

Sesta Edizione

Parrocchia Santa Maria Assunta

Diocesi di Treviso

Gruppo Parrocchiale Festeggiamenti

locandina premio letterario 2016 -ok

…Guardare con speranza al futuro,

sapendo che si può contare sulle solidi basi del nostro passato…

DSCF3225

“Il tema prescelto quest’anno, “Ricordi: nostalgia e rimpianto, speranza e futuro”, ci offre l’opportunità di riflettere sull’intreccio profondo che esiste tra un passato in chiaroscuro, da riscoprire e valorizzare, che rappresenta le nostre “Radici”, e il presente, che per quanto difficile e problematico, è ricco di potenzialità e impone a noi adulti di assumerci la responsabilità di coltivare con amore le “Ali” che sono i nostri giovani, affinché attraverso il loro pensiero, l’entusiasmo e la loro ricca fantasia, possano contribuire a migliorare la nostra società.

Compete ad altri entrare nel merito dei singoli lavori, io desidero in primo luogo complimentarmi con i vincitori, ma anche con tutti i partecipanti al concorso, perché ci hanno aiutato a superare troppi luoghi comuni.

Sono certo che dal frutto del vostro lavoro emergerà il valore dei ricordi che ogni persona porta con sé, e le inevitabili nostalgie e rimpianti che spesso affiorano saranno molto semplicemente un invito ai giovani a guardare con speranza al loro futuro, sapendo che possono contare sulle solidi basi del nostro passato.

Spetta  a tutti noi lavorare con convinzione perché i rapporti generazionali di cui tanto si parla diventino progetti di vita sui quali investire con fiducia.

A volte molti di noi pensano che i lavori letterari risiedano altrove e che siano iscritti in un’altra anagrafe, questo concorso e quanto sono stati in grado di esprimere tutti gli autori dimostrerà che non è così. I talenti, le risorse, le potenzialità delle quali essere orgogliosi ci sono anche a chilometro zero. L’impegno di questa amministrazione e di tutti noi dovrà essere quello di individuarli, sostenerli e valorizzarli, perché la ricchezza di un paese e di una comunità è data soprattutto dalla cultura che sa esprimere, proprio partendo dall’inquilino della porta accanto.”

                         Stefano Giuliato, Sindaco di Casale sul Sile

“Un territorio è la sua memoria, così come un individuo è i suoi ricordi. Progettare il futuro è sempre un’operazione che si fonda sulla conoscenza e sulla consapevolezza del passato.” Il Presidente del Credito Cooperativo di Treviso, Tiziano Cenedese

I TRE VINCITORI

DSCF3224

IL RACCONTO SECONDO CLASSIFICATO

“Il bambino con la valigia rossa”

di Aurora Cantini

DSCF3223

Motivazione della Giuria, Presidente Isidoro Perin

“… Avevo ritrovato una cosa mia, solo mia”. Sopravvissuto a tutte le peripezie finché, all’uscita dal Brefotrofio, Pietro trova nella sua valigetta rossa l’amore della mamma. Ora può sentirsi finalmente figlio! L’autrice ci accompagna, con la sua penna delicata, in una storia pervasa da un leggero profumo di poesia, che mitiga la durezza degli avvenimenti”

DSCF3226

Un nome spicca tra i premiati: Bruno Cipolla, che nel 1968 ha conquistato l’oro nel canottaggio categoria “il due con” a Città del Messico: oro italiano a Città del Messico e che ha vinto il concorso letterario con la cronaca autobiografica di quella giornata memorabile.

LA PREMIAZIONE

Aurora 1

Aurora Cantini

Aurora 3

Aurora 4

Aurora Cantini al Premio Casale sul Sile

Aurora 5

Aurora Cantini premiata

IL ROMANZO

Il racconto premiato è diventato un romanzo: Il bambino con la valigia rossa

 

“La difficile vita di un bambino abbandonato

è al centro dell’ultimo libro di Aurora Cantini”

(parole di Andrea Filisetti)

Aurora Cantini e il Bambino con la valigia rossa

Aurora Cantini e il Bambino con la valigia rossa

Recensione di Andrea Filisetti per MyValley.it

“Ogni giorno avevo atteso mia madre, ogni notte avevo pianto la sua lontananza. Nessuno mai venne a chiedere di me, nessuno scrisse una lettera”. Sono le prime parole che si trovano sfogliando l’ultimo libro di Aurora Cantini “Il bambino con la valigia rossa”, frasi di un ospite del Brefotrofio di Bergamo, struttura all’interno dell’ex ospedale cittadino in cui erano accolti piccoli e innocenti testimoni dell’abbandono. Bambini così poveri da non avere nemmeno un cognome, “bambini senza un sorriso” come venivano chiamati. Il libro racconta le vicende di questi bimbi, in particolare del piccolo Pietro, trovato dai gendarmi nel 1944, lasciato da una donna sfollata. Sullo sfondo c’è la guerra con tutte le sue sofferenze.

«Per raccontare questa storia – racconta Aurora Cantini – ho dovuto chiaramente documentarmi. Il brefotrofio era un istituto che accoglieva e allevava i neonati abbandonati. Una realtà oggi poco conosciuta, ma un tempo diffusa in quasi tutte le città del nostro Paese, almeno fino al 1975, quando sono stati chiusi».

Il libro è stato  presentato domenica 15 maggio alla libreria IBS a Bergamo e mercoledì 25 maggio al Centro Cultura di Nembro dove interverrà una delle ultime bambine ospitate nel Brefotrofio di Bergamo.” (Andrea Filisetti)

LA VIDEO INTERVISTA SU ANTENNA2 TV

Il Bambino con la valigia rossa, you tube

PresentazioneCantiniIbs15maggio

Il bambino con la valiga rossa alla Libreria IBS Bergamo

SCHEDA DEL LIBRO

Il bambino con la valigia rossa, scheda

Il Bambino con la valigia rossa

Il Bambino con la valigia rossa

LA NOTIZIA SU BERGAMO NEWS

Il bambino con la valigia rossa, Bergamo

La notizia su L’Eco di Bergamo

LA PRESENTAZIONE ALLA LIBRERIA IBS BERGAMO

Domenica 15 maggio 2016

15 maggio 2 016 4

Presentazione libro Aurora Cantini Libreria IBS Bergamo

15 maggio 2016 2

Presentazione libro Aurora Cantini Libreria IBS Bergamo

15 maggio 2016 1

Aurora Cantini dialoga con il direttore editoriale di Silele Edizioni Emanuele Pagani alla Libreria IBS Bergamo

aurora cantini 15 maggio 2016

Aurora Cantini e la scrittrice Anita Anesa alla Libreria IBS Bergamo

 

Il Tenore Federico Gambarelli,

la voce dimenticata tra Albino, Bergamo, Selvino

0

Il tenore Federico Gambarelli, per gentile concessione della propronipote Edelwess Gambarelli

C’è un angolo, nel paese di Selvino, sull’Altopiano omonimo, da sempre denominato Il Castello. Svetta maestoso e limpido, nella sua pregiata architettura, poco sopra la stazione di arrivo della funivia Albino – Selvino, arroccato sopra uno sperone roccioso alle pendici della salita detta dei “Cornèi”(i Cornelli), un breve strappo d’altitudine con pendenza al 15% che conduce ad Aviatico e in Valle Brembana. Il Castello, seppur proprietà privata, è patrimonio nella memoria collettiva del paese. In realtà pochi sanno che fu dimora di un personaggio bergamasco della Valle Seriana noto nei tempi passati, cantante lirico di fama internazionale, ma della cui epopea oggi non v’è quasi più traccia.

2

Il Castello del Gambarelli a Selvino

2a

La veduta della salita da Selvino verso Aviatico con il Castello sul pendio

1

Il Castello oggi

Si tratta del Tenore Federico Gambarelli, nato il 5 maggio 1858 e morto il 6 giugno 1922:

– Monsignore Cavaliere dell’Ordine Costantiniano di San Giorgio

– Cantore Onorario della Cappella Pontificia

– Cappellano Segreto D’Onore di Sua Santità,

 (come si evince dai documenti).

Fu un cantante famoso, seppur di umili origini: nacque infatti nel fondovalle, ad Albino, paese da sempre collegato all’Altopiano Selvino Aviatico attraverso una fitta rete di legami familiari, di parentela, di lavoro, commerciali, di allevamento, percorrendo la Via Mercatorum che portava in Valle Brembana e in Svizzera. Il paese di Albino era la “città” per ogni montanaro, laggiù vi erano tutti i servizi fondamentali alla vita quotidiana: il maniscalco, il mercato, il dottore, il treno per Bergamo. 
Vi era anche la possibilità di lavoro, con il grande Cotonificio Honegger, che forniva assunzioni a gran parte dei giovani e delle ragazze dell’Altopiano.
Conosciutissima sull’Altopiano era la calzoleria Cugini, in attività fin dal 1850, ed è proprio in questa bottega che il piccolo Federico, nato in una casetta in via Mazzini, nei pressi del collegio Sant’Anna, iniziò a lavorare a 10 anni, per aiutare gli 8 fratellini più piccoli (era il primogenito) e il papà macellaio.

6

La bottega del calzolaio Cugini, come era

7

La bottega del calzolaio Cugini oggi

Ma il suo cuore era già diviso a metà: da una parte il richiamo del sacerdozio, dall’altra il desiderio impellente di elevare odi cantando. Fu così che la sua voce venne notata da una famiglia benestante, che mise una buona parola per lui in Seminario a Bergamo Alta

5

Il Tenore Federico Gamabrelli Seminarista

La sua potente e particolare vocalità, pur ancora bambino (aveva 12 anni) lo fece entrare nella Scuola di Santa Cecilia, quindi fu iscritto a Roma, nei giovani cantori della Cappella Sistina. Laggiù non dimenticò mai la famiglia in difficoltà e cercò sempre di mandare a casa delle piccole somme racimolate con il canto.
Poi il fatto che cambiò la sua vita: accettò di partecipare ad una serata canora organizzata da una aristocratica famiglia romana. Alcuni storici riportano che aveva accettato di cantare in un concerto organizzato da una Loggia Massonica. Altri dicono che il Regolamento della Schola Canthorum impediva ai giovani studenti di esibirsi in serate esterne, addirittura con compenso. Fatto sta che fu uno scandalo
Giunta notizia alle gerarchie ecclesiastiche, venne sospeso per 30 giorni, ma il ragazzo, di impeto ribelle e scontroso, la considerò una punizione ingiusta e decise di abbandonare la vocazione. Non abbandonò però il suo impegno canoro e ben presto venne chiamato ad esibirsi nei teatri più famosi: Firenze, Pisa (dove fece debuttare l’opera di Puccini ottenendo un successo tale da essere richiamato sul palco per ben 12 volte) perfino alla Scala di Milano, ricevendo 5mila lire, oggi 100mila euro. 
Ma a Bergamo cantò una volta sola, al Teatro Donizetti, chiamato a quel tempo ”Riccardi”, la sera del 20 settembre 1891 nell’”Aida” di Giuseppe Verdi.
Sapeva trasformarsi nei personaggi più diversi, ora Otello, o il Trovatore, ora Radames o Mefistofele. Aveva in repertorio ben 47 opere liriche ed era capace di passare facilmente dal dramma all’opera leggera. Quasi nessuno sa che uno fra i primi cantori dell’opera scritta da Ruggero Leoncavallo “I Pagliacci” fu il proprio grande tenore bergamasco, che fece delirare le folle con il suo primo Canio. L’opera lirica, ispirata, sia come personaggi che come ambientazione, a un delitto realmente accaduto a Montalto Uffugo in Calabria, quando il compositore era bambino, del quale il padre, magistrato, istruì il processo che portò alla condanna dell’uxoricida, fu messa in scena alla fine 1892 ma già pochi mesi dopo era osannata al teatro Regio di Malta, proprio grazie al grande tenore Federico Gambarelli. Nella biografia scritta da Don Giuseppe Rizzi nel lontano 1976 sono registrati documenti che raccontano l’acclamato esordio.

I Teatri erano sempre esauriti, perfino Giacomo Puccini lo decantò per le sue interpretazioni di assoluta armonia. Il giovane cantante lirico bergamasco di valle era conteso dai maggiori teatri di tutto il mondo. Erano i tempi in cui riceveva compensi altissimi (anche 8mila lire, pari a 180mila euro odierni). Con i guadagni comprò possedimenti terrieri e edifici, tra cui la località Piazzo, a cavallo tra Nembro e Albino, e il palazzo a Selvino detto Il Castello.

14a

La famiglia del Tenore Federico Gambarelli a Selvino

Valicò i confini italiani, viaggiò in tourné internazionali, (Malta, Mosca, Cordoba, Buenos Aires, Havana) fino a giungere là dove un nuovo inizio avrebbe scandito la sua vita: in Messico. Il tenore Gambarelli ebbe ben presto uno stuolo di fans in tutto il mondo, addirittura assunse il cognome “De Gambarell” frequentando i Paesi Latini.

9

Locandina lirica Tenore Federico Gambarelli

11

Il grande tenore bergamasco Federico Gambarelli al Teatro Regio di Malta nell’interpretazione di Canio nei “Pagliacci” di Ruggero Leoncavallo

Scampato miracolosamente ad un naufragio nel 1890 mentre tornava in nave da una tourné in Messico grazie alla preghiera rivolta all’immagine su tela della Madonna di “Guadalupe” (in italiano “Fiume di Luce”) che aveva portato con sé, dono dei Padri Gesuiti della cittadina di Puebla a ricordo dell’Apparizione al contadino Juan Diego, sentì prorompente nascere in cuore una fervente e instancabile devozione verso la Madonna “morena”, talmente profonda e inesauribile da spingerlo a voler creare una chiesa in cui collocare la Sacra Immagine, la cui storia narro nell’articolo dedicato alla Madonna di Guadalupe.

18

La Madonna di Guadalupe del Tenore Federico Gambarelli

Questa totale devozione riportò a galla un desiderio mai sopito seppur vissuto tra laceranti conflitti d’animo, quello della vocazione sacerdotale
Nel 1895 si ritirò dalle scene, scomparve al mondo e decise di riprendere quel filo interrotto nel Seminario di Bergamo. Nel 1898, a quarant’anni esatti, venne ordinato sacerdote con il nome di Padre Federico Maria della Croce.

25

Il Tenore Federico Gambarelli ordinato sacerdote

                          LA SACRA SINDONE DI ALBINO

In occasione dell’Ordinazione sacerdotale, Gambarelli ricevette in dono dalla venerabile Principessa Maria Clotilde di Savoia, sua fervida estimatrice, una copia autentica e fedele della Sacra Sindone, una tela lunga quattro metri e larga poco più di uno, con la figura completa di Cristo dipinta delle due parti, posta a contatto “per qualche tempo” (si legge nei documenti reali) con l’originale custodito della Regia Cappella e santificata con il Sigillo Arcivescovile in sei luoghi del lenzuolo.

33

La copia autenticata della Sacra Sindone appartenuta al tenore Federico Gambarelli visibile nel Santuario della Madonna di Guadalupe ad Albino

Nel 1912, avendo ottenuto l’autenticazione anche da parte del Vescovo di Bergamo Giacomo Maria Radini Tedeschi con il permesso di esposizione alla pubblica venerazione, trovò gradita collocazione ad Albino, nella chiesa dedicata a Nostra Signora di Guadalupe che Gambarelli aveva acquistato, ampliato e ristrutturato tra il 1902 e il 1905, comprendente anche alcuni edifici annessi, e a cui si accedeva da un vicolo laterale di via Mazzini (vicolo che da allora prese il nome di Vicolo Gambarelli).

27

Vicolo Gambarelli ad Albino con l’entrata al Santuario della Madonna di Guadalupe

La Sacra Sindone veniva mostrata ai fedeli dalla domenica delle Palme fino al Venerdì Santo, quando don Gambarelli montava il Sepolcro, con la suggestiva e possente presenza di alcuni soldati romani, vestiti con le corazze e le imbracature che lo stesso Tenore aveva indossato nelle tante opere liriche in tutto il mondo. Il Santuario prese vigore e fama.

In quegli anni (intorno al 1905) iniziò in Francia una persecuzione alla Chiesa Cattolica e alle Congregazioni Religiose impostata da Emilio Combes, Presidente del Gabinetto Francese. Perciò il francese Padre Leon Gustave Dehon pensò di venire a fondare il suo Istituto dei Preti del Sacro Cuore in Italia, in particolare a Bergamo, su benedizione di Papa San Pio X. 
Alla stazione venne ricevuto dal giovane segretario del Vescovo Radini Tedeschi, Don Angelo Roncalli (il futuro Papa Giovanni XXIII) che lo presentò a Don Federico Gambarelli, ad Albino, al Santuario Di Nostra Signora di Guadalupe. Qui, alla vigilia della Natività di Maria, il 7 settembre 1907, venne inaugurata la “Scuola Apostolica di Nostra Signora di Guadalupe di Albino” e la Santa Messa solenne fu cantata con profonda emozione proprio dal Tenore Gambarelli. L’Istituto cresceva e giungevano alunni da ogni parte d’Italia, tanto che gli spazi degli edifici annessi al Santuario divennero troppo ristretti e si avviarono le procedure per l’edificazione di un complesso più ampio, ultimato nel 1910, nella zona collinare verso Bondo Petello, che ancora oggi ospita i Padri Dehoniani, detti “Preti Francesi”.

33b padri dehoniani

La scuola Apostolica dei Padri Dehoniani (detti “Francesci”) a Bondo Petello, Albino

Con il passare degli anni Gambarelli conseguì onorificenze ecclesiastiche di grande prestigio, come il Monsignorato e il Grado di Cavaliere Cappellano dell’Ordine Costantiniano di San Giorgio. Ebbe contatti con i maggiori esponenti del tempo, come il Commendator Rezzara, il Nunzio Apostolico a Madrid Monsignor Solari, il pittore bresciano Alessandro Bonvicino detto Il Moretto, il Tenore Agazzi; molti esponenti clericali visitarono il Santuario, tra gli altri il Vescovo di Pontremoli, l’Arcivescovo del Messico, il Direttore della Cappella Musicale di Santa Maria Maggiore del Conservatorio Donizetti Maestro Antonio Cagnoni, solo per citarne alcuni.
Nel suo Castello a Selvino ritrovava la tranquillità e l’energia per affrontare una vita densa di impegni e incombenze. Oltretutto il clero non lo aveva in grossa simpatia, perché Gambarelli aveva conservato la prorompente passione di rendere Gloria al Signore con la Musica Sacra, e quando lui cantava in chiesa durante una Messa accorrevano moltissimi fedeli attenti e desiderosi di ascoltarlo, con la conseguente desolazione delle altre parrocchie pressoché vuote. Tali proteste giunsero prima al Vescovo e poi addirittura in Vaticano, costringendo Papa Pio X a intervenire proibendogli di cantare in pubblico. Fu un dolore immenso per quest’uomo dalla ruvida scorza bergamasca, ma dalla tenerezza più morbida, nel suo infinito Amore per il Cantico del Creato, eppure chinò il capo e obbedì.
Negli ultimi anni divise la sua vita tra Il Castello a Selvino (in cui aveva pernottato spesso l’amico Giacomo Puccini, (suo coscritto, sempre grato dell’esito trionfale della sua prima opera “Le Villi” al termine della quale il Tenore Gambarelli fu richiamato sul palco dal pubblico entusiasta per ben 12 volte) e la sua chiesa ad Albino, tutt’oggi aperta al pubblico.

25a

Giacomo Puccini e il Tenore Federico Gambarelli

Con l’incessante desiderio di offrire ai giovani nuove speranze di futuro, Monsignor Gambarelli si attivò per creare a Nembro una Casa dove avrebbero trovato ospitalità e sviluppo tutti quei ragazzi che avevano abbandonato il Seminario. Ma l’orologio della vita batteva inesorabile l’ora. Morì il 5 giugno 1922. (Commovente è il parallelo con l’amico Giacomo Puccini, che lo seguirà 2 anni dopo, nel 1924)

Di Gambarelli, cantante, sacerdote, schietto bergamasco attaccato alla profonda devozione verso Maria, uomo appassionato e Animo colmo di Luce, si spense l’eco della potente voce, il suo spirito indomito e selvaggio si offuscò nell’oblio del tempo. Nulla rimase dei suoi tanti successi e della carismatica passione, infatti il fonografo, seppur inventato nel 1870, ancora non era diffuso in Italia, quando il giovane solista “mandava in visibilio le folle”. La voce di quel giovane ribelle, scalpitante e coraggioso, che aveva saputo vivere di un immortale, incondizionato amore per il Signore, tacque per sempre, ma il pellegrino della Madonna di Guadalupe leva ancora il suo canto, con parole d’amore e di operosità, per chi riesce sentire la sua voce leggera: la voce del silenzio.

54a La tomba del monsignor Gambarelli nella Cappella Mortuaria del cimitero di Albino

La Cappella Gambarelli al Cimitero di Albino dove ripos ail grande Tenore, i suopi genitori, sua sorella, i nipoti e i discendenti

59

L’articolo che osannava il Tenore Bergamasco ai confini del Mondo

Ma la sua memoria guida ancora la gente della sua Valle Seriana: infatti una notizia che ho scoperto pochi giorni fa riguarda uno tra i tanti monili e suppellettili che il Tenore Gambarelli aveva tenuto con sé durante gli anni di esibizioni nei teatri di tutto il mondo: infatti possedeva oggetti, accessori, armature e vestiti, stoffe e abiti pregiati che gli servivano per gli allestimenti di scena. Tra i tanti un’armatura da soldato in argento finissimo, che il tenore donò nel 1911 alla Parrocchia di Gazzaniga, per permettere la vestizione del Martire soldato Sant’Ippolito, Patrono del paese, la cui festa si celebra ogni anno il 13 agosto, culminante nella rinomata fiera, nelle celebrazioni, ma soprattutto nella suggestiva Processione con la sacra Effigie. Per chi entra nella chiesa, guardando in alto verso l’altare laterale di destra, lo sguardo può ammirare in tutto il suo fulgido splendore questa ricca armatura.

34

L’armatura in argento usata dal Tenore Federico Gambarelli nelle sue opere liriche

armatura sant'ippolito

Armatura di Sant’Ippolito concessa alla Parrocchia di Gazzaniga dal Tenore Mons. Federico Gambarelli nel 1911

Armatura Sant'Ippolito, Gazzaniga

Cartolina raffigurante l’altare di Sant’Ippolito a Gazzaniga vestito con l’armatura donata dal tenore Federico Gambarelli

Devo dire, con una notazione personale, che da bambina sceglievo il posto in chiesa sempre poco sotto la cripta, perché mi affascinava osservarla e mi riempiva di mistero. Non sapevo allora, bimba assetata di storie, che un giorno avrei scritto di quell’armatura lucente e dell’uomo che l’aveva indossata nel fulgore della fama, omaggiato da tutti: il grande Tenore Gambarelli.

                 RINGRAZIAMENTI

Lo scopo di questo mio lavoro personale di ricerca sulla storia del grande Tenore Federico Gambarelli è dare conoscenza e memoria di un personaggio bergamasco oggi dimenticato, pertanto chiunque può attingere ad esso, VI CHIEDO PERO’ DI CITARE QUESTA FONTE. Infatti questo lavoro di ricerca sulla vita di questo famosissimo tenore ha richiesto da parte mia molto lavoro, molte informazioni cercate, molte ore di impegno, MOLTA FATICA.

Ringrazio Edelweiss Gambarelli, pro-pro-nipote del famoso Tenore (era infatti zio del nonno) per le foto n° 3, n°8, n°12; grazie per i documenti autentici, preziosi e cari, che mi ha permesso di visionare, custoditi in ordinate cartellette dove quel mondo lontano di salotti ottocenteschi e opere meravigliose sembra ancora vivo e palpitante. Grazie per le notizie e i ricordi mai sbiaditi che le sono stati tramandati dal papà Bruno Gambarelli, il quale nutrì sempre grande e riconoscente affetto per quello zio famoso, scalpitante, ribelle e coraggioso, che aveva saputo vivere di un immortale, incondizionato amore per il Signore. Molti dati tecnici sono tratti dal libro “Il Tenore Federico Gambarelli, Monsignore” di Rizzi Don Giuseppe, 1976.

IL BAMBINO CON LA VALIGIA ROSSA,

il romanzo sull’infanzia abbandonata

 al Brefotrofio di Bergamo

durante la Seconda Guerra Mondiale

Autore Aurora Cantini

(Silele Edizioni, 2016)

Il Bambino con la valigia rossa

Il Bambino con la valigia rossa

Il romanzo percorre gli anni dal 1943 al 1952 a Bergamo, con sfondo centrale i fatti della Seconda Guerra Mondiale, le storie di quotidiana sofferenza e infanzia perduta raccontate dal piccolo Pietro, uno dei bambini del Brefotrofio, situato in uno dei padiglioni dell’Ospedale Maggiore. Il bambino protagonista, raccolto nei primi giorni di gennaio del ’44 dai gendarmi dopo che la madre l’ha lasciato solo e consegnato al Brefotrofio da un fantomatico zio, funge da voce narrante dei fatti tragici della guerra a Bergamo, raccontando la sua vita e quella di tanti altri bambini “esposti all’abbandono”, piccoli e innocenti testimoni della povertà, del silenzio, della fame e della solitudine, ma racconta anche dei preti coraggiosi, degli arresti frequenti, delle sparizioni delle persone care. Superata la guerra, Pietro deve fare i conti con il mondo fuori, ma grazie alla vicinanza di uno degli Impiegati al Registro del Brefotrofio, trova la forza di intraprendere il suo solitario cammino nel mondo, solo lui e la sua “valigia rossa”, unico dono rimastogli della madre, madre che cercherà per tutta la vita, fino al finale commosso e dolente. Un libro sull’amore di un bambino verso la sua mamma, ma anche di una mamma verso il suo bambino, tenace come edera, struggente come la rugiada, innocente come l’Infanzia perduta.

Copertina completa de Il bambino con la valigia rossa

Copertina completa de Il bambino con la valigia rossa

SCHEDA DESCRITTIVA DEL LIBRO

Il bambino con la valigia rossa

L’INCIPIT AL ROMANZO

“Il mio primo ricordo è la veduta imponente e austera del grande edificio che mi avrebbe ospitato da quel giorno in poi: il Brefotrofio di Bergamo, il “Pio luogo degli Infanti esposti all’abbandono”, così era chiamato al tempo della sua fondazione, situato in uno dei padiglioni che comprendeva l’enorme Ospedale della città, il “Principessa di Piemonte”. Era una fredda alba dei primi giorni di gennaio del 1944 ed io mi trovavo davanti al portone scuro in legno di noce, guardando in su, come all’apertura del Regno.” (…)

bergamo-e-lospedaleun-caso-di-genetica_268bf0ca-5845-11e4-81f9-72fc69b7a479_700_455_big_story_linked_ima

L’ex Ospedale Maggiore di Bergamo con indicato il padiglione dell’ex Brefotrofio

DOVE TROVARE IL LIBRO

Il romanzo è facilmente ordinabile nelle migliori librerie e sugli store online.

È presente e in esposizione presso la centralissima Libreria IBS+Il Libraccio di Bergamo e la Libreria Mondadori del Centro Commerciale Le Due Torri a Stezzano, alla Libreria Libraccio di Curno e alla Libreria Amico Libro di Selvino. Si può trovare anche all’edicola del New Bar Dolci di Aviatico. A Nembro il punto vendita è Carolibreria No Problem.

IL ROMANZO SUL CIRCUITO ON LINE

Amazon.it, il libro

Ibs.it,  il libro

Libroco.it, il libro

Unilibro.i, il libro

Mondadori Store, il libro

LibreriaUniversitaria.it, il libro

MareMagnum, il libro

Inoltre è stato esposto presso la Fiera dei Librai sul Sentierone a Bergamo dal 16 aprile al 1 maggio.

Una valigia rossa, autore Elvira Macchiavelli

Una valigia rossa, autore Elvira Macchiavelli

IL TOUR DELLE PRESENTAZIONI

♥ L’anteprima a Sedrina, Rassegna “Storie di vita”: Aurora Cantini, incontri con l’autore

Sedrina 28 aprile Aurora Cantini

Sedrina 28 aprile Aurora Cantini

sedrina0002

L’articolo dedicato alla Rassegna letteraria a Sedrina, su L’Eco di Bergamo

♥ La presentazione alla Libreria IBS Bergamo: Il bambino con la valigia rossa

♥ La presentazione a Nembro Centro Cultura: Il bambino con la valigia rossa

♥ La presentazione a Selvino: Il bambino con la valigia rossa

13 agosto biblioteca di selvino

Selvino, 13 agosto, presentazione del romanzo di Aurora Cantini

Selvino, 13 agosto, presentazione del romanzo "Il bambino con la valigia rossa" di Aurora Cantini

Selvino, 13 agosto, presentazione del romanzo “Il bambino con la valigia rossa” di Aurora Cantini

Selvino, 13 agosto, presentazione del romanzo "Il bambino con la valigia rossa" di Aurora Cantini

Selvino, 13 agosto, presentazione del romanzo “Il bambino con la valigia rossa” di Aurora Cantini

♥ La presentazione a Bonate Sopra: Il bambino con la valigia rossa

26 settembre Bonate Sopra IL BAMBINO CON LA VALIGIA ROSSA

26 settembre Bonate Sopra IL BAMBINO CON LA VALIGIA ROSSA

Bonate Sopra, presentazione del romanzo "Il bambino con la valigia rossa" di Aurora Cantini, articolo su L'Eco di Bergamo

Bonate Sopra, presentazione del romanzo “Il bambino con la valigia rossa” di Aurora Cantini, articolo su L’Eco di Bergamo

♥ La presentazione a Pradalunga Il bambino con la valigia rossa a Pradalunga

Locandina Aurora Cantini Pradalunga 18 ottobre 2016

Locandina Aurora Cantini Pradalunga 18 ottobre 2016

14591587_1769490199956179_7305611565798638820_n

La serata a Pradalunga per il romanzo di Aurora Cantini, 18 ottobre 2016

14716153_1769490429956156_5743916238195898369_n

La serata a Pradalunga per il romanzo di Aurora Cantini, 18 ottobre 2016

♥ La presentazione ad Albino: Il bambino con la valigia rossa

2016-10-31_141855

Il bambino con l valigia rossa e Aurora Cantini ad Albino

♥ La fotogallery della presentazione ad Albino: Il bambino con la valigia rossa

LE VOCI DEI LETTORI

Il bambino con la valigia rossa raccontato dai lettori

13442126_914889811955414_4012281841034429076_n

LA PAGINA UFFICIALE SU FACEBOOK

Il bambino con la valigia rossa, facebook

0001IL ROMANZO ALLA 59^ FIERA DEI LIBRAI A BERGAMO

16 Aprile 1 Maggio

DSCF3196

Aurora Cantini e il suo romanzo alla Fiera dei Librai di Bergamo, 1 maggio 2016

IL FIRMA COPIE ALLA LIBRERIA MONDADORI DI CINISELLO BALSAMO

Cinisello Balsamo 17 settembre 2016 firma copie

Locandina: Aurora Cantini alla libreria Mondadori di Cinisello Balsamo per il firma copie del romanzo “Il bambino con la valigia rossa”, 17 settembre 2016

14383328_652544494909384_1797636073_n

Aurora Cantini alla libreria Mondadori di Cinisello Balsamo per il firma copie del romanzo “Il bambino con la valigia rossa”, 17 settembre 2016

14389924_652544464909387_1848636439_n

Aurora Cantini alla libreria Mondadori di Cinisello Balsamo per il firma copie del romanzo “Il bambino con la valigia rossa”, 17 settembre 2016

14397432_652544551576045_1011485894_n

Aurora Cantini e l’Editore Emanuele Pagani alla libreria Mondadori di Cinisello Balsamo per il firma copie del romanzo “Il bambino con la valigia rossa”, 17 settembre 2016

LE RECENSIONI AL ROMANZO

♥ Le parole di Pierluigi Ambrosini, critico e scrittore: la recensione

♥ Le parole della professoressa Ester Saletta: La recensione

♥ Le parole di Sara Stefanini, giornalista e critica letteraria: la recensione

♥ Le parole di Kaleidoscopia.it: la recensione

♥ Le parole di Silvia Zanoni, moderatrice di gruppi di lettura: la recensione

I RICONOSCIMENTI

Il romanzo Il bambino con la valigia rossa premiato al Sirmione Lugana

♣ Opera 4^ classificata alla 7^ edizione del Premio Letterario Sirmione Lugana 2016, categoria Romanzi Premio Graffiti Camuni Narrativa

♣ Opera 2^ classificata alla sesta edizione del premio letterario “Tu, io e i mondi possibili: ricordi tra nostalgia e rimpianto” a Casale sul Sile, Treviso

Il romanzo Il bambino con la valigia rossa premiato a Casale sul Sile

 

Powered by WordPress Web Design by SRS Solutions © 2017 Le Ali dell'Aurora Design by SRS Solutions